Scambio e riuso creativo e condiviso

Pubblichiamo l’articolo del Notiziario Caldonazzese luglio 2016 sul tema dello scambio e del riuso, al quale abbiamo dedicato alcune iniziative attive nel corso del 2015-2016.

Clicca sul logo specialeper leggere tutto lo speciale del Notiziario sul tema sostenibilità, dove si parla anche di convivenza tra colture e cittadini con l’esempio di Malles in Val Venosta, dell’impatto dei cambiamenti climatici in agricoltura, e con una riflessione sul biologico.

 
0003

L’Orto che cura edizione 2016 – slide dell’incontro e bibliografia

malva

Cari amici dei LunAdì, nella sezione MATERIALI del sito (barra in alto a destra) potete scaricare per tutto il mese di aprile le slide dell’incontro “La Natura che Cura” tenuto il 4 aprile a Caldonazzo a cura del dott. Andrea Cont contenente anche sitografia e bibliografia.

Aggiungiamo inoltre l’errata corrige inviataci dal relatore:

L’olio di iperico viene preparato con fiori freschi e non essiccati: 30g di fiori freschi di iperico, 100ml olio di oliva, a macero per 6 settimane in flaconi ben chiusi ed esposti al sole. Filtrare e conservare in flaconi di vetro scuro al riparo dalla luce.
Inoltre vi aggiungo i link per eventuali interazioni e controindicazioni delle piante affrontate, visto che in molti casi non siamo riusciti ad accennarlo e sono in tanti a volerle conoscere: 

I Lunadì dell’Ortazzo 2016 – il programma della settima edizione

LOCANDINA2016

scarica la locandina in pdf

scarica il pieghevole in pdf

Tornano anche quest’anno “I LunAdì dell’Ortazzo”, il ciclo di serate su temi ambientali e nuovi stili di vita, promosso dall’associazione culturale “L’Ortazzo” in Valsugana e nell’Altopiano della Vigolana, grazie alla collaborazione di numerose associazioni, comuni ed enti.

L’atteso appuntamento, giunto alla settima edizione, anche quest’anno proporrà riflessioni, confronti, idee e pratiche in 6 serate di lunedì, cui si aggiunge un’uscita in campo per la raccolta di erbe spontanee. Come sempre la partecipazione è libera, aperta a tutti e senza necessità di prenotazione.

Chiave del successo delle serate è il coinvolgimento e l’appoggio di tantissimi soggetti del territorio, ma anche la scelta di argomenti che interessano concretamente la comunità. I temi di quest’anno infatti sono stati scelti dai simpatizzanti, attraverso un sondaggio online condotto nel mese di dicembre e spaziano da riciclo-riuso, all’autoproduzione, dalla fitoterapia alla raccolta di erbe spontanee commestibili, dai modelli di scuola alternativi fino al classico tema dell’orto biologico famigliare, che caratterizza tutte le edizioni.

Il primo incontro, lunedì 7 marzo a Vattaro, metterà a confronto esperienze di gestione dei rifiuti (con AMNU e Fiemme Servizi) ma anche di non-produzione dei rifiuti dando la voce ad associazioni che si occupano di riuso.

Il secondo incontro, il 14 marzo a Calceranica, tratterà di proposte di scuola alternativa: Steiner-Waldorf, Montessori e homeschooling (educazione parentale).

Lunedì 21 marzo a Tenna Elisa Nicoli (autrice di molti libri sull’autoproduzione e del blog autoproduco.it) presenterà idee e trucchi per l’autoproduzione domestica di detersivi, cosmetici, cibo e molto altro…

Le tre serate di aprile saranno più dedicate all’orto ed alle erbe: il 4 aprile a Caldonazzo si parlerà della “natura che cura” approfondendo gli utilizzi delle piante officinali. L’11 a Telve una serata dedicata all’ABC dell’orto famigliare biologico ed infine, il 18 aprile a Centa San Nicolò  l’argomento più atteso (votato dal 40% dei partecipanti al sondaggio), la raccolta ed utilizzo delle erbe spontanee commestibili. A seguito della serata sarà anche proposta un’uscita sul territorio, sabato 30 aprile, per raccogliere insieme all’esperto, l’agroecologo Stefano Delugan, le diverse erbe (prenotazione obbligatoria, solo per questa iniziativa).

Come da tradizione ciascuna serata si concluderà con un piccolo “rinfresco bio”, importante momento di confronto e socializzazione. Quest’anno la gestione dei rinfreschi è affidata all’associazione Atabio, che riunisce i produttori biologici e biodinamici del Trentino.